giovedì 2 giugno 2016

PRODOTTI FINITI DEL MESE DI MAGGIO! [RECENSIONE - PARTE 1]


Salve gente! :) Finalmente dopo mesi e mesi di assenza torno a scrivere sul blog… solo adesso mi rendo conto di quanto mi sia mancato farlo e ho tutte le intenzioni di essere più presente d’ora in poi.
Il post del “grande ritorno” verterà sui prodotti finiti del mese di maggio! Sono davvero tantissimi e quindi ne approfitterò farvi sapere cosa ne penso, analizzandoli uno alla volta. 







- Per questo articolo ho pensato di dividere il post in due parti e di non inserire le foto di ciascun prodotto perché altrimenti verrebbe un post chilometrico e davvero troppo pesante da aprire con i dispositivi mobili. In ogni caso sono quasi tutti prodotti facilmente reperibili nella grande distribuzione e di cui, sono sicura, avrete già sentito parlare-

  • Salviette Fria Utility Baby con Propoli e Aloe Vera: si tratta di salviette per bambini che io uso da anni e che difficilmente sostituisco perché trovo che siano le migliori in commercio. Hanno un ottimo INCI (non contengono PEG, siliconi, parabeni, paraffina, alcol e fenossietanolo), sono prodotti con il 100% di energia da fonte rinnovabile oltre che garantiti da LAV, quindi non testati sugli animali). Contengono un’altissima percentuale di propoli (2° posto nell’INCI) e di aloe vera (4° posto), sono morbidissime, imbevute al punto giusto e super delicate. Hanno una profumazione abbastanza dolce, che forse può risultare stucchevole ma che a me personalmente piace tantissimo. Le compro e le ricompro perché oltre ad essere convenienti hanno una formulazione di tutto rispetto, di gran lunga migliore rispetto a quella di molte altre salviette per bambini che si trovano in commercio. 
  • Maschere Geomar: ho terminato sia la versione AntiAge che quella Purificante. Quella AntiAge contiene estratto di ibisco, succo d’aloe, estratto di iris, sale marino e ambra oceanica. Mi piace per il profumo, perché nutre la pelle senza ungerla (io la pelle misto-grassa) e la lascia bella compatta e morbida al tatto. Io non la uso come maschera monodose bensì come trattamento notte perché ho notato che una sola bustina riesco a fare 4/5 applicazioni. La applico, la lascio agire tutta la notte e il mattino dopo mi sveglio con la pelle che sembra di velluto, incredibilmente liscia! Non la uso mai durante il giorno perché temo che mi farebbe lucidare il viso mentre per la sera è perfetta anche perché mi piace da matti addormentarmi con il suo profumo che mi circonda. La seconda maschera che ho terminato è quella Purificante, contente argilla e caolino. Va applicata su tutto il viso e lasciata asciugare per circa 10 minuti, poi si risciacqua. Non ho visto grandi miglioramenti per quanto riguarda la situazione relativa ai punti neri però mi aiuta tantissimo ad asciugare la pelle e a tenere a bada l’effetto unto. Appena rimossa sento la pelle che respira (e tira anche un po’), rimane pulita per qualche ora ma non ha un effetto visibile sul lungo periodo. Diciamo che la sensazione di freschezza che dà ha una durata mediamente breve! Contiene anche estratto di malva, camomilla, lavanda, timo e sale marino. 
  • Crema Viso Opacizzante Vagheggi: all’inaugurazione di un centro estetico in cui sono stata di recente mi hanno regalato un campioncino della Crema Viso Opacizzante della Vagheggi. Il contenuto del campioncino mi è durato per 3 applicazioni che sono state più che sufficienti per farmi capire che questa crema non è proprio adatta a me. Sulla descrizione leggo che dovrebbe essere una crema opacizzante mentre su di me ha proprio l’effetto contrario. Dopo 4/5 ore inizio a lucidarmi e non solo sulla zona T ma proprio su tutto il viso, reazione che non mi accade nemmeno quando applico maschere nutrienti tipo quelle di Geomar. Dato che la funzione che ha, opacizzante appunto, su di me non è riscontrabile e dato che molte creme non opacizzanti fanno molto meglio di lei mi rendo conto che decisamente non è adatta a me.  L’INCI non è accettabile (contiene vari) mentre il profumo è molto gradevole e fresco. 
  • Crema Anticellulite Fanghi d’Alga Guam: con un campioncino, ça va sans dire, è impossibile fare una recensione però posso dirvi che si tratta di una crema dalla consistenza molto corposa e simile alle creme solari molto nutrienti che mi spalmavano quando ero bambina. Va massaggiata bene e a lungo per permetterle di assorbirsi e questo fatto mi è piaciuto perché sono dell’idea che per far penetrare e agire meglio gli attivi di una crema anticellulite il massaggio sia fondamentale (forse tanto quanto la crema stessa). Anche il profumo assomiglia tantissimo alle creme solari ! Non mi è piaciuta invece la scritta “prodotto naturale”, dato che di naturale ha veramente ben poco: contiene siliconi, parabeni e ingredienti sintetici che con il concetto di naturale hanno poco a che fare. 
  • Crema Viso Antirughe all’Acqua alle Rose di Roberts’: ancora una volta prime impressioni super positive dopo l’utilizzo di questo campioncino. Profumazione classica, DIVINA, del famoso tonico alle rose del marchio. Ha una consistenza ottima: è leggera, si asciuga subito e non risulta appiccicosa. Appena stesa dà una sensazione di freschezza piacevolissima ma che purtroppo scompare abbastanza in fretta. L’ho applicata per due sere di fila prima di andare a dormire e il mattino dopo avevo la pelle che sembrava come quella di un neonato. Mi è piaciuta tantissimo (almeno per le uniche due volte che l’ho utilizzata) ma non ho ancora deciso se comprarla oppure no perché contiene siliconi (che vorrei evitare almeno nella skincare)! 
  • Bagnoschiuma Iris + Bagnoschiuma Hedera Erbolario: ho terminato due campioncini di due bagnoschiuma di Erbolario. Li ho provati svariate volte perché sono anni che acquisto da loro e ogni volta mi riempiono di campioncini (sempre siano lodati i commessi che lavorano da Erbolario). Sono due bagnoschiuma completamente diversi, tanto nella profumazione quanto nella consistenza e nell’effetto sulla pelle. Quello all’Iris è più idratante, con una profumazione avvolgente e quasi talcata, mentre quello all’Hedera è più fresco e dalla consistenza che sembra quasi un gel. Mi piace utilizzarlo d’estate perché è leggerissimo, non unge e non appiccica e sembra di farsi la doccia in mezzo a un bosco. Come avrete già capito, personalmente preferisco di gran lunga il secondo ma per una semplice questione di gusti: il profumo dell’Iris a me non piace granché mentre l’altro bagnoschiuma ha un odore che mi fa impazzire! 
  • Acqua di Profumo alla Lavanda di Erbolario: per la donna che non deve cambiare mai ! Scherzi a parte, è l’unico profumo (a parte Acqua di Giò) che continuo a ricomprare negli anni e che non mi stanca mai. Tutti gli altri mi vanno a noia dopo un po’ ed è quasi impossibile che io ricompri due volte lo stesso profumo perché mi stanco. Invece da lui ritorno sempre perché a differenza di altri profumi alla lavanda, vedi Bottega Verde tra gli altri, questo sa veramente di lavanda! Quindi grazie, Erbolario, perché con questo profumo riesco a ritornare con la mente al mio viaggio in Costa Azzurra e ai profumi inebrianti della Provenza!

Bene ragazze (e ragazzi), per oggi è tutto. La seconda parte dell’articolo sarà online domani! Stay tuned :)

Nessun commento:

Posta un commento